Crea sito

Giaveno, l’amministrazione contro il voto del Consiglio Comunale non riduce le indennità Sindaco e assessori dicono di donare a singoli e ad un'associazione del territorio

Giaveno, Consiglio Comunale

GIAVENO – E’ stata recapitata dal Palazzo Comunale al consigliere comunale Alessandro Cappuccio la riposta del sindaco Carlo Giacone sulla questione indennità, più volte sollevata dal consigliere d’opposizione che chiede il mantenimento di una promessa elettorale dell’attuale primo cittadino e della volontà espressa dal Consiglio Comunale il 29 luglio scorso con la maggioranza dei voti favorevoli. “Oggi finalmente è arrivata la risposta in merito alla riduzione indennità del 30% del Sindaco, Assessori e del Presidente del Consiglio – spiega Cappuccio – ritengo la risposta non esaustiva e con assenza di trasparenza”.

HANNO DONATO A SINGOLI E AD UN’ASSOCIAZIONE

Scrive il sindaco: “E’ evidente che l’impegno assunto dai candidati Sindaco e Consiglieri, impegno chiaramente condiviso dagli Assessori, non faceva riferimento alla decisione di riduzione delle indennità, ma alla destinazione di parte delle proprie indennità a interventi per le famiglie in difficoltà che, personalmente e come gruppo, gli Amministratori si sono ripromessi di realizzare.  Concretamente, sin dall’inizio della legislatura, in diverse occasioni ciò è avvenuto e ancora attualmente avviene tramite aiuti economici volontari a carico degli Amministratori stessi ad un’associazione di volontariato del territorio che si occupa di sostegno a nuclei familiari bisognosi.

NON HANNO RISPETTATO LA VOLONTA’ DEL CONSIGLIO COMUNALE

Cappuccio non è soddisfatto e dice: “Chiediamo di rispettare quanto sottoscritto dal sindaco e assessori, indicando e dimostrando la quota che hanno usato fino ad ora, di rispettare l’istituzione di un banco solidale e come mai l’aiuto avviene solo ad una Associazione del quale, tutt’oggi, non sappiamo il nome“.