Crea sito

Giaveno, il bilancio di Carlo Giacone bocciato dal Consiglio Comunale Il sindaco uscente sfiduciato chiude con una sconfitta il suo mandato

Giaveno, il Consiglio Comunale

GIAVENO – GIAVENO – L’amministrazione di Carlo Giacone ha ricevuto oggi, nell’ultimo Consiglio Comunale di questa difficile consigliatura, una sonora sconfitta sul documento più importante: il rendiconto del bilancio del 2018. Le opposizioni, viste le divergenze, in particolare sulle scelta di Giacone di aumentare la tassa sulla casa al 10,6 per mille, massimo consentito dalla legge, non hanno potuto far altro che votare negativamente, come negativo è stato il giudizio sull’operato dei questi cinque anni. Il Partito Democratico, nella persona del presidente del Consiglio Vilma Beccaria, s’è astenuto negando di fatto ogni possibile accordo se si andasse al ballottaggio, mentre ciò che è rimasto intorno al sindaco uscente ha votato a favore sperando forse nel voto di qualche altro consigliere; ma il bilancio, otto voti contro otto, non è stato approvato.

UNA BOCCIATURA PER L’OPERATO DI GIACONE

I gruppi Per Giaveno, CambiaAmo Giaveno, Progetto Giaveno, Movimento 5 Stelle, Partito Democratico hanno di fatto sfiduciato Carlo Giacone che non può far altro che affrontare questi ultimi giorni di campagna elettorale con una pesantissima debacle nella gestione del suo mandato partito con una larga maggioranza e terminato, di fatto, in minoranza. L’unica ad avere sostenuto Giacone in questa ultima votazione è stata Concetta Zurzolo che corre con lui nelle elezioni ma non è bastato. Si chiude così questo quinquennio tra tantissime spese che alcuni definisco “elettorali” e una bocciatura da chi rappresenta di fatto la maggioranza degli elettori.