Crea sito

Elezioni a Giaveno: Stefano Tizzani presenta le liste con un progetto positivo, fattibile e di prospettiva "Nessuna polemica, tanto lavoro e un programma di lungo termine"

GIAVENO – La sala Consigliare di Palazzo Asteggiano completamente occupata, cittadini nel corridoio, tanti in cortile ad ascoltare dalle finestre aperte. Una serata importante per presentare i candidati e il programma elettorale. Tizzani, in apertura, ha ringraziato la sua famiglia, presente in sala, che gli permette con sacrifici di vivere questa esperienza elettorale. Con Stefano Tizzani le liste “Per Giaveno”, “Daniela Ruffino per Stefano Tizzani”, “Giaveno Giovani”, “UDC per Tizzani” e “CambiaAmo Giaveno” e tutti i loro candidati.  Giovani e pensionati, studenti e disoccupati, mamme a tempo pieno, tecnici e professionisti, agricoltori, artigiani e, commercianti, insegnanti, medici, avvocati, commercialisti, consulenti aziendali, giornalisti ed esperti di marketing. Uomini e donne di ogni formazione culturale, la nostra squadra si contraddistingue per un’elevata competenza, professionalità ed esperienza in tutti i campi. Doti indispensabili per un’efficiente e moderna gestione della cosa pubblica. E’ stato presentato un programma concreto e realizzabile basato sulle esigenze del territorio e di tutte le categorie sociali.

UN PROGRAMMA ELETTORALE IMPORTANTE

Nel programma presentato dai capolista c’è più sicurezza per i cittadini,  più investimenti strategici, meno tasse e accesso a fondi pubblici, più sostegno all’agricoltura, all’allevamento, all’artigianato e al commercio locale. Si legge poi di valorizzazione delle borgate e del centro storico con più cultura e turismo. Un capitolo riguarda il sostegno alle famiglie: ridurre fragilità e marginalità e più attenzione alle politiche occupazionali e al giovani .  I temi sono anche la scuola e il benessere per la salute, la tutela dell’ambiente, la bioedilizia e l’efficienza energetica. Conclude il programma  l’attenzione ai servizi per lo sport, il tempo libero e gli amici animali. L’appello al lavoro è stato fatto da Daniela Ruffino e Osvaldo Napoli.