Crea sito

Elezioni a Giaveno: è polemica sugli spazi da occupare per la campagna elettorale Alessandro Cappuccio: " Credo che il metodo non sia corretto"

GIAVENO – In città è polemica sull’assegnazione dei posti per sistemare i gazebo delle varie liste, od oggi dodici, che si sfideranno alle elezioni amministrative. Per cercare una soluzione condivisa è stata organizzata una riunione dal comandante della Polizia Locale. Spiega Alessandro Cappuccio della lista CambiaAmo Giaveno: “La maggioranza dei presenti, ha deciso per uno dei due metodi descritti dal comandante della Polizia Locale: quello di decidere assieme tutti i candidati Sindaco le postazione dei gazebo in vista delle elezioni del 26 maggio. L’unico ad essere contrariato e a manifestare disappunto per questo metodo sono stato io“.

LA NOSTRA E’ UNA LISTA GIA’ PRESENTE IN CONSIGLIO COMUNALE

Essendo una lista collegata alla candidatura di Stefano Tizzani, non potevo discutere e trovare accordi per alcuni dei posti “migliori” dove sistemare il gazebo nei prossimi sei sabati – conclude Cappuccio – Credo che questo metodo non sia corretto, perché liste come la nostra, si trovano a decidere solo su alcune postazioni e non su tutte. Protocollerò il mio pensiero tramite un atto ufficiale negli uffici comunali e al prefetto, chiedendo se questo sia un modo uniforme e volto alla democrazia. Ricordiamo che CambiAMO Giaveno è un gruppo autonomo, con un proprio programma e che sostiene Tizzani alle prossime elezioni, ma sottolineamo il fatto che siamo stati presenti e lo siamo tutt’ora in Consiglio comunale, a differenza di alcune liste nate per queste elezioni. Proprio per il lavoro svolto fino ad ora e il fatto di avere un nostro programma, nonché la regolare raccolta firme, avremmo voluto essere trattati come tutti gli altri“.