Crea sito

Elezioni a Chiomonte. La lista Chiomonte, frazioni e futuro presenta il programma Lucrezia Bono: "Rivendichiamo il diritto di lavorare in Chiomonte"

Lucrezia Bono

CHIOMONTE – La lista Chiomonte, frazioni e futuro che presenta Lucrezia Bono come candidata propone un punti fondamentali del programma.

Il LAVORO

Rivendichiamo il diritto di lavorare in Chiomonte, attraverso la creazione di tutti i posti di lavoro necessari a garantire il benessere del Paese.

IL FRAIS

La località diventerà nuovamente il traino per un turismo a 360 gradi e garantirà impieghi ed indotto in tutto il territorio.

LA RAMATS

Attraverso una valorizzazione seria di un territorio di una bellezza intonsa attraverso collegamenti garantiti e progetti inerenti le vigne e la storia delle frazioni.

INVESTIMENTI

Intendiamo condividere un piano di investimenti sul territorio attraverso finanziamenti e fondi a disposizione dei Comuni su linee di finanziamento regionali e programmi europei , condiviso con tutta la popolazione e con i Comuni limitrofi per potenziare le ricadute a livello Comunale e di Valle.

CULTURA

Crediamo che la qualità della vita sia direttamente proporzionale alla bellezza e cultura di ogni luogo, ci impegnamo quindi dare una particolare attenzione a tutto il nostro patrimonio culturale, che non è solo la pinacoteca Levis, abbiamo il materiale e la volontà per rilanciare al meglio il turismo culturale a Chiomonte, ed attraverso un piano di recupero urbanistico del centro storico.

I BAMBINI

Potenzieremo ed agevoleremo attraverso le realtà già presenti lo sviluppo di servizi coordinati con i Comuni vicini ,per l’infanzia e per i genitori, perché crediamo che il futuro parta dai nostri piccoli.

LE ASSOCIAZIONI

Crediamo fortemente che siano il perno e la vita del Paese, proponiamo un potenziamento dei progetti con tutte le associazioni ed una redistribuzuone più equa dei contributi, di modo che nessuno faccia da “padrone”

I SERVIZI

Vogliamo tutelare, confrontarci e valorizzare le attività commerciali che siano messe al centro di piani comuni di sviluppo e che riconosciamo come i veri eroi di Chiomonte.