Un cortometraggio sulle due giovani promesse del pattinaggio valsusine Gioia e Ginevra, 9 e 17 anni, morte tragicamente in un incidente lo scorso ottobre Due vite spezzate nel fiore degli anni, che rivivono per qualche giorno al Palasport Tazzoli, dietro una cinepresa.

Dopo la recente assegnazione della borsa di studio alla memoria di Ginevra Barra Bajetto, diventerà un film la breve storia delle due giovani promesse del pattinaggio valsusine Gioia Casciani di Villarbasse e Ginevra di Condove, 9 e 17 anni, morte tragicamente in un incidente a Merano lo scorso ottobre.

LEGGI ANCHE: http://www.lagenda.news/tragedia-condove-muore-un-incidente-stradale-la-giovane-ginevra-barra-bajetto/, e http://www.lagenda.news/addio-due-giovani-pattinatrici-mamme-ancora-ricoverate/

Un cortometraggio, voluto e sostenuto dal Coni, racconterà la breve vita delle ragazze che amavano lo sport e si allenavano impegnandosi duramente con il sogno di diventare reginette del giaccio come Carolina Kostner.

Ginevra, la più grande, studiava con profitto al Liceo Sociale di Torino, mentre sognava di poter partecipare alle olimpiadi del 2020 e la piccola Gioia aveva già avuto le prime soddisfazioni sul ghiaccio.

Due vite spezzate nel fiore degli anni, che rivivono per qualche giorno al Palasport Tazzoli, dietro una cinepresa.