Crea sito

Condove, marocchino tenta di rubare benzina in un cantiere e scoperto minaccia il proprietario con una tenaglia L'uomo è stato arrestato dai Carabinieri. Nell’auto è stata trovata diversa altra refurtiva

Carabinieri Stazione CondoveCarabinieri Stazione Condove

SUSA – Nella tarda serata di ieri, 31 gennaio, i Carabinieri della Stazione di Condove e dell’Aliquota Radiomobile di Susa hanno arrestato in flagranza di reato O.A, di origine marocchina, residente a Borgone e con precedenti di polizia.

L’uomo infatti è penetrato all’interno del cantiere della ditta C.E.A di Condove per cercare di asportare del carburante da un escavatore di proprietà dell’azienda. Sul posto è giunto poco dopo il titolare che si è accorto dell’intrusione grazie al suo sistema di allarme collegato al telefono cellulare dando subito l’allarme al 112. Il marocchino, per tentare la fuga, ha lanciato prima degli oggetti contro il proprietario poi l’ha minacciato con delle tenaglie ed ha tentato di fuggire velocemente verso la Strada Statale in direzione Torino. I militari dell’Arma lo hanno però individuato e fermato dopo un breve inseguimento.

Molta refurtiva nell’auto

All’interno del furgone i Carabinieri hanno anche rinvenuto diverso materiale del quale il marocchino non ha saputo spiegare l’origine: 8 telefoni cellulari, 17 orologi da donna e da uomo, 1 lettore MP3 e 7 motori da frigorifero. Sono in corso accertamenti per verificare se si tratti di oggetti provento di furto.

I Carabinieri con la refurtiva