Crea sito

Il comune di Avigliana ordina di cancellare il dipinto NoTav sulla facciata di una casa in corso Laghi Il lavoro è stato fatto senza permessi contro le restrizioni di tutela del paesaggio

AVIGLIANA – Un treno a vapore sfreccia sui binari, tutt’intorno gli indiani armati di archi e frecce cercano di contrastarne la marcia. Non siamo nell’America della fine dell’Ottocento ma in corso Laghi al numero 216 ad Avigliana. Il murales  è stato dipinto sulla facciata della casa di proprietà di Patrizia Soldati che a seguito di un sopralluogo effettuato dall’ufficio tecnico del comune si è vista recapitare un’ordinanza di rimozione.

Il lavoro è stato fatto senza permessi contro le restrizioni di tutela del paesaggio

I dipinti sono stati realizzati senza alcun permesso e tutto il lavoro è stato eseguito senza chiedere alcun parere o permesso, insomma è totalmente abusivo e contro ogni regolamentazione comunale tanto che si legge sul documento: “realizzate su di un fabbricato situato in area sottoposta a vincolo paesaggistico ambientale nel centro storico e pertanto non può essere oggetto di sanatoria edilizia e l’ambito interessato ad oggi risulta sottoposto al vincolo ambientale e paesaggistico“. Arte o meno, il treno dovrà proseguire la sua marcia e gli indiani andare via a cavallo.

La proprietaria adesso ha l’incombenza di ripristinare la facciata di casa sua nel suo stato originario altrimenti l’ordinanza seguirà la via giudiziaria in Procura.  Avigliana si scopre così poco incline a chiudere un occhio, anzi due, verso l’arte e la cultura NoTav. Questa ordinanza un passaggio politico del sindaco Andrea Archinà e della sua amministrazione?