Crea sito

Chiomonte, Salvini al cantiere TAV: la nevicata non ferma il vicepresidente del consiglio Salvini oggi entra nel tunnel di base lungo 7 chilometri

CHIOMONTE – Siamo al cantiere della TAV, lato italiano, oggi è il giorno del ministro Matteo Salvini, in dichiarato disaccordo con l’altro vicepresidente del consiglio Di Maio. La neve non ha fermato l’arrivo di Salvini. Da mesi il cantiere è fermo: un atto del governo italiano di sottoporre quest’opera, come tutte le altre già in cantiere, alla cosiddetta analisi costi-benefici che ne ha decretato lo stop.

SALVINI AL SUO ARRIVO HA TROVATO 30 OPERAI

Matteo Salvini ha trovato 30 operai divisi su tre turni. Hanno mansioni che devono essere eseguite quotidianamente tra manutenzione della galleria, monitoraggi ambientali e supporto tecnico alle forze dell’ordine, anche se lo scavo non procede. Al suo arrivo Salvini oltre agli operai ha incontrato poliziotti e militari a guardia del cantiere. Mentre davanti dall’ingresso più in basso, dove c’è la centrale elettrica di Chiomonte, ci sono i No Tav.

SALVINI ENTRA NEL TUNNEL DI BASE

Il vicepresidente del consiglio Matteo Salvini oggi entra nel tunnel  di base o cunicolo esplorativo lungo 7 chilometri e largo 6 metri. Il tunnel è servito per studiare la montagna nel progetto già approvato ed è la strada per i mezzi che scaveranno le gallerie dove passeranno i treni. Quando l’opera sarà conclusa, diventerà una galleria di servizio per i mezzi di soccorso e per le condotte di areazione. Il progetto della Tav si sviluppa in 162 chilometri complessivi di scavi, fra tunnel, collegamenti e raccordi.