A Buttigliera il volontariato alla festa di San Marco Partecipatissima la Pompieropoli dei Vigili del Fuoco di Avigliana

BUTTIGLIERA – Week-end all’insegna della solidarietà, lo scorso, inserendo, all’interno dei festeggiamenti patronali di San Marco, tre eventi, finalizzati alla raccolta fondi per il progetto promosso dal Distaccamento di Avigliana dei Vigili del Fuoco volontari, al quale l’Amministrazione comunale aderisce con convinzione. Il progetto è finalizzato alla rigenerazione di un mezzo di soccorso, utile per gli interventi negli stretti vicoli dei centri storici o nei sentieri dei boschi.

Scenari presenti sul territorio di tutti e quattro i Comuni di competenza del Distaccamento: oltre a Buttigliera e al capoluogo Avigliana, anche Sant’Ambrogio e Reano. “Un progetto che abbiamo sposato con piacere – commenta il sindaco Alfredo CimarellaAnche perché ci consente di lavorare in collaborazione con le altre comunità del nostro circondario, unendo le forze a beneficio di tutti. Oltre alle manifestazioni promosse in questi giorni, come Amministrazioni pensiamo di coordinarci per un contributo unitario da devolvere ai volontari del nostro distaccamento”.

Tornando agli eventi che hanno coinvolto i cittadini, il totale fruttato è di 1300 Euro. Si è partiti, sabato sera, con una raccolta fondi in seno alla “Merenda sinoira a la piemunteisa”: la serata gastronomica cuore della festa patronale di San Marco, a cura del “Comitato festeggiamenti”. Serata che ha visto il contributo anche delle altre
associazioni e delle attività commerciali del paese. Sempre il “Comitato festeggiamenti”, domenica mattina, ha organizzato un torneo di volley giovanile, nella palestra del plesso scolastico di corso Laghi, devolvendo il ricavato ai Vigili del Fuoco. Infine, nel pomeriggio di domenica, l’edizione 2018 di “Pompieropoli” e “Soccorsopoli”, promossa dalla stessa Amministrazione. Sono scesi in piazza i volontari del distaccamento dei Vigili del Fuoco di Avigliana e della Delegazione di Villar Dora della Croce Rossa. Ottima la risposta in termini di presenze di bambini e famiglie che hanno giocato, trasformandosi in “Pompiere per un giorno” e cimentandosi agli stand della Cri.