Bussoleno: l’opposizione della Zoggia sulle panchine colorate, richiesta quella blu a ricordo delle vittime delle Foibe Si cerca di avere una panchina a ricordo egli esuli italiani

BUSSOLENO – Il consigliere d’opposizione Antonella Zoggia, con gli altri in minoranza, scrive sulle panchine in città. “La cronaca della nostra valle, ampiamente e dettagliatamente descritta nelle pagine dei giornali locali, si occupa da qualche tempo e sempre più frequentemente di panchine. Mi riferisco ad esempio alla panchina gigante 142 di Giaglione, posizionata a giugno e a quella 179 di Bruzolo che ha trovato la sua collocazione lo scorso ottobre. Installazioni artistiche, entrambe, che fanno parte di una rete nazionale che ha come scopo il sostegno delle eccellenze artigiane e delle comunità locali. Anche Bussoleno non è da meno, anzi: bisogna andare un poco più indietro nel tempo per ricordare la “panchina rossa” in piazzetta del giornalaio, più recente è invece la “panchina letteraria” in Piazza Cavour e la panchina “Matilde” di fianco al PalaConti“.

UNA PANCHINA PER RICORDARE LE VITTIME DELLE FOIBE

Lodevoli iniziative, tutte, ma una domanda sorge spontanea: quali requisiti deve avere una panchina per ottenere il beneplacito della maggioranza ed essere posizionata nelle Piazze di Bussoleno? La memoria torna al mese di febbraio di quest’anno, in prossimità della Giornata del Ricordo, quando le minoranze in Consiglio Comunale hanno presentato una mozione che impegnasse il Sindaco e la Giunta a dedicare alle Vittime delle Foibe una panchina in Piazzetta del Moro (antistante il giornalaio), a dipingerla di blu intenso e ad evidenziare con una targa la motivazione di tale riconoscimento. La risposta della maggioranza, perfetta nella forma, nella grammatica, nell’uso dei verbi e della sintassi, ma sterile seppur netta nella sostanza, è stato un sovietico niet, questa panchina blu non sa da fare, citando, tra le molte fumose, la motivazione di scombinare l’arredo urbano del paese che, senza dubbio, a parer loro, trae invece giovamento dalle panchine “che hanno avuto l’approvazione” dei governanti locali“.

ASPETTANDO IL 10 FEBBRAIO

Evidentemente per la Giunta Consolini non è sufficiente per meritarsi una panchina a ricordo che nel periodo tra il 1943 e il 1947 almeno 250mila esuli italiani siano stati costretti a lasciare le loro case con circa 20mila vittime; che diverse migliaia tra queste, tra le 4mila e le 6mila, abbiano perso la vita all’interno delle foibe. Sono profonde cavità naturali tipiche delle aree carsiche, dove venivano abbandonati i corpi dei giustiziati. Non è sufficiente per la maggioranza Consolini ma lo è stato invece e finalmente per il Parlamento Italiano che nel 2004, rompendo il silenzio, le sacche di deprecabile negazionismo militante o il riduzionismo, oltre all’indifferenza, al disinteresse ed alla noncuranza, ha istituito il 10 di febbraio di ogni anno il “Giorno del Ricordo” per i morti italiani d’Istria, Dalmazia e Venezia Giulia. Il 10 di febbraio si avvicina e, considerando i lunghi tempi tra la convocazione di un Consiglio Comunale e l’altro, è opportuno che noi minoranze si inizi a lavorare sull’argomento, chissà che la maggioranza non ci ripensi“.

RESTA AGGIORNATO SU TUTTE LE NOSTRE NOTIZIE! COME?

Iscriviti alla nostra pagina Facebook L’Agenda News: clicca “Mi Piace” e gestisci impostazioni e notifiche in modo da non perderti più nemmeno una notizia! Segui e metti mi piace al canale YouTube L’Agenda News.