Borgone: l’assessore regionale Marrone “La via Via Francigena come unione turistica di tutta la Valsusa” Mele e Montabone: "Una concreta possibilità di rilancio turistico"

pet 1

BORGONE – Nella sala nobiliare del Palazzo Municipale di Borgone si è svolta un’interessante riunione, aperta ad amministratori e pubblico, sul futuro turistico della Via Francigena. Il sindaco Diego Mele, dopo aver salutato i presenti, ha ricordato l’importanza di una struttura conosciuta a livello mondiale che unisce tutta la Valle alla regione, portando i turisti in Europa: la via Francigena. E’ stato anche l’occasione per il primo cittadino di presentare, insieme alle associazioni di Borgone, la nuova carta dei sentieri. Giorgio Montabone, vice sindaco a Susa e assessore in Unione Montana Valsusa ha parlato di una prospettiva concreta per far crescere la bassa Valle in un ottica di turismo professionale al passo con le attività dell’alta Valsusa.

LA VIA FRANCIGENA IN VALSUSA

L’assessore regionale Maurizio Marrone che ha dedicato parte della sua attività ad un progetto inclusivo sulla Via Francigena ha spiegato. “Le politiche sociali possono essere anche un’opportunità di arricchimento del territorio, rilanciando un moderno turismo accessibile sull’antico cammino dei pellegrini. La Via Francigena, infatti, è un patrimonio di storia e spiritualità impresso nel DNA della Valsusa e con questo progetto diventerà anche accessibile alle persone con disabilità, abbattendo le barriere che le escludono”. Interessante la parte tecnica del progetto e la sua prossima interazione in diversi canali tematici.

NOTIZIE DELLA VALSUSA, VAL SANGONE E CINTURA DI TORINO

Iscriviti alla nostra pagina Facebook L’Agenda News: clicca “Mi Piace” e gestisci impostazioni e notifiche in modo da non perderti più nemmeno una notizia! Segui e metti mi piace al canale YouTube L’Agenda News.