Crea sito

Bardonecchia, un Consiglio Comunale europeo con: Francesco Avato, Jean-Claude Raffin e François Chemin Le tre città di frontiera, “Un Consiglio per l’Europa- Conseil pour l’Europe”

(foto Gian Spagnolo)

BARDONECCHIA – Martedì 21 maggio, a cinque giorni dalle elezioni per il rinnovo del Parlamento Europeo e a pochi mesi dalle celebrazioni del l’Associazione Gemellaggio Bardonecchia Modane Fourneaux, si è svolta nella Sala del Consigliare di Bardonecchia, in un’affollata seduta pubblica, alla presenza dei primi cittadini di Bardonecchia, Francesco Avato, di Modane, Jean-Claude Raffin e di Fourneaux, François Chemin, dei consiglieri comunali e dei presidenti e volontari delle numerose Associazioni che a vario titolo operano nelle tre città di frontiera, “Un Consiglio per l’Europa- Conseil pour l’Europe”.

“UN CONSIGLIO PER L’EUROPA- CONSEIL POUR L’EUROPE”

Il Consiglio Intercomunale e Internazionale, seguito istituzionale al primo consiglio congiunto svoltosi, con lo stesso ordine del giorno, venerdì 10 maggio a Modane, è iniziato con una dettagliata relazione esposta da Massimo Gaudina, Capo Rappresentanza della Commissione europea-Rappresentanza Regionale a Milano, che ha illustrato i benefici derivanti dall’appartenenza alla Unione Europea “Limitarsi a calcoli e valutazioni puramente economiche e finanziarie, non rende merito aile varie politiche comunitarie, che si fondano, soprattutto, su piani quinquennali , volti a investire nei Paesi membri, per la ricerca scientifica, sull’integrazione, sulla varie forme di solidarietà e sullo sviluppo sostenibile intergenerazionale.

I TRENI FINO A MODANE

La seduta è proseguita analizzando le complesse e variegate relazioni transfrontaliere, le relazioni autostradali ferroviarie attuali, per ora limitate all’estensione dei treni sino a Modane il fine settimana, e future, i collegamenti attraverso i percorsi internazionai di mountain bike, i sentieri naturalistici, gli scambi culturali, commerciali, artigianali e turistici, l’annosa ristrutturazione della cappella del monte Thabor, che necessita di urgenti opere di salvaguardia e alcune anticipazioni dei festeggiamenti del quarantesimo anniversario del Gemellaggio.