Bando di concorso del XXII Valsusa filmfest, il tema è quello della memoria storica, della montagna e dell'ambiente Un festival di comunità che continua ad essere un importante presidio culturale nonostante le crescenti difficoltà a reperire i fondi.

Il Valsusa Filmfest dal 1997 anima il territorio e lo caratterizza come un luogo aperto all’incontro e al confronto culturale attraverso concorsi cinematografici, proiezioni fuori concorso e numerosi eventi a cavallo tra letteratura, cinema, musica, teatro, arte e impegno civile.

Un festival itinerante che si svolge in numerosi comuni della Valsusa e che coinvolge scuole, associazioni, cooperative e tante singole persone grazie al suo profondo radicamento nel territorio.

In 21 anni di storia il festival è diventato un importante presidio culturale con una macchina organizzativa sempre più complessa e basata quasi esclusivamente sul

Il Valsusa Filmfest collabora attivamente con altre realtà sparse sul territorio italiano e dal 2010 fa parte della “Rete del Caffè Sospeso”, network di festival, rassegne e associazioni culturali in mutuo soccorso.

L’obiettivo principale è sempre stato quello di promuovere cultura dando ampio spazio alle nuove generazioni e ad eventi che aiutino a riflettere e a cogliere i cambiamenti sociali, culturali e politici della contemporaneità.

Il nuovo concorso della XXII edizione

Il nuovo concorso del festival di quest’anno è sui temi della memoria storica, della montagna e dell’ambiente.

Un festival di comunità che continua ad essere un importante presidio culturale nonostante le crescenti difficoltà a reperire i fondi e grazie ad una macchina organizzativa basata quasi esclusivamente sul volontariato.

Filmakers italiani e stranieri sono invitati a partecipare e ad inviare le loro iscrizioni entro il 15 marzo 2018.

Le 5 sezioni di concorso:

  • Cortometraggi
  • Workshop Laboratorio Valsusa
  • Fare Memoria
  • Videoclip
  • Le Alpi.

La sezione “Cortometraggi” è a tema libero e riservata a film e video di finzione della durata massima di 15 minuti, senza preclusione di stili, generi e tecniche di realizzazione.

La sezione “Workshop Laboratorio Valsusa” è a tema libero e aperta a tutti ma particolarmente rivolta a cortometraggi amatoriali e/o sperimentali prodotti con piccoli budget e con una volontà di ricerca espressiva e di rappresentazione tipica di chi esordisce dietro l’obiettivo. La sezione è aperta anche agli istituti scolastici di ogni ordine e grado.

La sezione “Fare Memoria”, proposta in collaborazione con l’ANPI, Associazione Nazionale Partigiani d’Italia, è riservata ad opere che intendono “fare memoria” di una testimonianza del passato, ispirata al tema o ai valori della Resistenza, o di un avvenimento di attualità che quei valori interpreta.

La sezione “Videoclip” è riservata a videoclip musicali a tema libero della durata massima di 6 minuti, senza preclusione di stili o generi musicali, ma il cui brano non sia una cover di altri artisti.

La sezione “Le Alpi” è riservata a filmati sul tema della montagna: dall’alpinismo e altri sport verticali all’esplorazione, dalla salvaguardia dell’ambiente e delle specie animali alla cultura, la vita e le abitudini di piccole e grandi comunità.

Il concorso è suddiviso in due sezioni:

  • produzioni amatoriali, ovvero realizzazione home made o comunque con un massimale di spesa non superiore ai 1000 euro,
  • produzioni con budget di spesa, massimo di 5.000,00 €.

Gli autori selezionati per la fase finale del concorso “Workshop Laboratorio Valsusa” saranno invitati a partecipare ad un workshop con registi e operatori sul tema “comunicazione, linguaggio e nuove tecnologie” che si concluderà con la proiezione dei film.

Ai primi tre classificati verrà rilasciata una menzione con relativa valutazione da parte di una giuria che analizzerà i lavori pervenuti.

La qualità delle opere partecipanti al concorso è aumentata molto nel corso degli anni e questa sezione è stata pensata per dare spazio ad autori che non potrebbero competere con produzioni professionali.

La campagna Io sto con il Valsusa Filmfest

Tenendo conto del contesto di welfare fortemente ridimensionato e della crescente difficoltà a reperire sovvenzioni pubbliche e private, da tre anni è nata la campagna  Io sto con il Valsusa Filmfest, una sfida volta a rafforzare la sostenibilità del Festival e che si pone di mobilitare, oltre a diverse competenze presenti sul territorio, anche risorse economiche con fondi raccolti direttamente tra i sostenitori ed attraverso l’organizzazione di proiezioni.

La programmazione

Tra febbraio e marzo si svolge la rassegna “Cinema in Verticale” organizzata dall’Associazione Gruppo 33 di Condove con filmati di alpinismo e di cultura alpina in genere.

Il XXII Valsusa Filmfest si svolgerà dal 16 al 25 aprile 2018 e proporrà uno o più temi specifici di riflessione, sulla base dei quali verranno organizzati la maggior parte degli appuntamenti. Da sei anni è attiva una collaborazione con il “Museo Diffuso della Resistenza, della Deportazione, della Guerra, dei Diritti e della Libertà” di Torino che ospita, il giorno 25 aprile o in giorni vicini, la proiezione del filmato vincitore del concorso “Fare Memoria”.

Informazioni

  • Bando e informazioni complete in www.valsusafilmfest.it
  • Deadline: 15 marzo 2018

Prosegue la campagna di raccolta fondi “Io sto con il Valsusa Filmfest” per la XXII edizione che si svolgerà nel mese di aprile 2018 in vari comuni della Valle di Susa.