Avigliana: quando sul lago piccolo ghiacciato si passava in macchina Era il 1966 quando Mario Margiotto di Sant'Ambrogio

AVIGLIANA – E’ doverosa la premessa: nessuno ad Avigliana sul lago si era fatto male. Tuttavia, un certo pericolo l’aveva corso l’automobilista sconsiderato che in un pomeriggio aveva attraversato il lago ghiacciato di Avigliana con la sua auto. La notizia ripresa nell’archivio di Stampa Sera, fa comunque riflettere. I laghi di Avigliana, più di cinquant’anni fa, ghiacciavano in superficie in modo così consistente da permettere il passaggio di un automobile. Erano tempi in cui non si pensava nemmeno al cambiamento climatico e all’abbassarsi delle temperature. I laghi diventavano anche piste di pattinaggio per i più piccini che si cimentavano anche senza pattini.

MARIO MARGIOTTO DI SANT’AMBROGIO

La superficie ghiacciata dello specchio d’acqua, diventata così spessa a seguito delle temperature basse da rendere l’idea del cambiamento climatico avvenuto in questo metà secolo. Era il gennaio del 1966 quando un ragazzo alla guida della sua Fiat attraversò il Lago piccolo di Avigliana ghiacciato. Era Mario Margiotto di Sant’Ambrogio, allora 23 anni, che le cronache riportano con non l’unico a dedicarsi al passaggio sul lago, prima di lui un motociclista.

RESTA AGGIORNATO SU TUTTE LE NOSTRE NOTIZIE! COME?

Iscriviti alla nostra pagina Facebook L’Agenda News: clicca “Mi Piace” e gestisci impostazioni e notifiche in modo da non perderti più nemmeno una notizia!