Crea sito

Amiat: un’identità visiva per raccontare una storia lunga 50 anni Nel mese di marzo una mostra al Museo A Come Ambiente - MAcA

TORINO – Inizia oggi e durerà tutto il mese di marzo presso il Museo A Come Ambiente – MAcA di Torino l’esposizione dedicata all’identità visiva ideata per celebrare i 50 anni di Amiat, azienda del Gruppo Iren e Socio Fondatore del MAcA. Nel corso del 2019 si terranno infatti numerose iniziative ed eventi finalizzati alla celebrazione dell’anniversario, un’occasione di riflessione sui valori che hanno sempre animato l’operato di Amiat a Torino. Una identità visiva dedicata caratterizzerà questo anno così rilevante per la storia aziendale e consentirà di identificare immediatamente tutte le iniziative connesse all’anniversario, connotando questo periodo con segni grafici che ne raccontino l’essenza.

Dal 1° al 31 marzo saranno quindi esposti al MAcA tutti i lavori e i bozzetti progettuali realizzati per individuare il logo celebrativo e la nuova mascotte Taurino Netturbino. Il logo celebrativo è frutto della collaborazione con il Politecnico di Torino Dipartimento di Architettura e Design, in particolare con l’Innovation Design Lab e gli studenti del Corso di Studi in Design che hanno operato nel corso di un workshop dedicato. Nei due mesi di lavoro, i 27 studenti hanno elaborato, suddivisi in gruppo, 11 bozzetti nei quali il logo tradizionale di Amiat è stato accostato ad uno celebrativo dedicato al cinquantennale.

Tutte le proposte di logo celebrativo, compresa ovviamente quella prescelta e già svelata alla città pochi giorni prima di Natale, sono esposte nella mostra, complete di declinazioni e possibili applicazioni su oggettistica e merchandising. Alcune testimonianze filmate dedicate ai valori e alle logiche che hanno portato alla realizzazione dei progetti e le strategie comunicative arricchiscono il percorso dedicato alle fasi di studio e disegno del logo.

La nuova mascotte Amiat, invece, è stata ideata da Francesco Bastianoni, un dipendente aziendale, conosciuto disegnatore di fumetti: ha creato tre personaggi da sottoporre poi al gradimento dei torinesi attraverso una votazione on line. Dalla sua matita sono nati Apina Ramazzina, Superclean e Taurino Netturbino, ciascuno dei quali incarna un diverso
elemento che si ricollega all’azienda. Nell’esposizione, tutti e tre vengono proposti sia in versione statica che dinamica. Taurino Netturbino è inoltre protagonista di un fumetto dedicato, composto da otto tavole riprodotte in formato extra large in mostra. Completa l’esposizione un laboratorio dedicato alla creatività e alla comunicazione rivolto a tutti i bambini e ragazzi che visiteranno la mostra in questo mese, modalità di interazione exhibit-spettatore che da sempre caratterizza l’approccio del MAcA. Già nel corso della giornata di avvio della mostra, due classi (una V elementare della scuola Sacra Famiglia e una I media dell’Istituto Regio Parco) hanno potuto sperimentare i laboratori e scattare una foto con il cartonato di Taurino Netturbino a ricordo della giornata. A tutti coloro che visiteranno la mostra sarà consegnato un simpatico ricordo.