Alpignano: foibe, “Giorno del Ricordo”, gli appuntamenti

foibe

ALPIGNANO – Alpignano: foibe, “Giorno del Ricordo”, gli appuntamenti.

FOIBE, IL GIORNO DEL RICORDO

La Repubblica riconosce il 10 febbraio quale “Giorno del Ricordo”, istituito con la Legge n. 92 del 30 marzo 2004, al fine di conservare e rinnovare la memoria della tragedia degli italiani e di tutte le vittime delle foibe, dell’esodo dalle loro terre degli istriani, fiumani e dalmati nel secondo dopoguerra e della più complessa vicenda del confine orientale. Ad Alpignano le celebrazioni sono promosse dall’Amministrazione comunale e dal Comitato Comunale Resistenza e Costituzione:

  • Sabato 10 febbraio, ore 10.15 ritrovo alla panchina dedicata al Giorno del Ricordo e partenza della camminata in onore delle Vittime delle Foibe con arrivo al giardino a loro intitolato in via Mazzini, dove si svolgerà la Commemorazione Ufficiale, la deposizione della corona di alloro, il rito religioso e alcuni interventi. Parteciperà il Comitato Genitori ICAlpignano.
  • Domenica 11 febbraio, ore 17.30 presso il Salone Cruto via Matteotti n. 2, un reading letterario con musiche eseguite dal vivo dedicato al Giorno del Ricordo. Ingresso libero.

Maggiori dettagli sul sito comunale https://www.comune.alpignano.to.it/crm3V

IL GIORNO DEL RICORDO

Esattamente 19 anni fa, nel 2005, gli italiani furono chiamati per la prima volta a celebrare il Giorno del Ricordo. In memoria dei quasi ventimila italiani torturati, assassinati e gettati nelle foibe. Sono le fenditure carsiche usate come discariche. Azioni compiute dalle milizie della Jugoslavia di Tito alla fine della seconda guerra mondiale. Da allora il Giorno del Ricordo è una solennità civile nazionale italiana, celebrata il 10 febbraio di ogni anno. E’ stata istituita con la legge 30 marzo 2004 n. 92. Vuole “conservare e rinnovare la memoria della tragedia degli italiani e di tutte le vittime delle foibe, dell’esodo dalle loro terre degli istriani, fiumani e dalmati nel secondo dopoguerra e della più complessa vicenda del confine orientale”. La data prescelta è il giorno in cui, nel 1947, fu firmato il trattato di Parigi, che assegnava alla Jugoslavia l’Istria, il Quarnaro, la città di Zara con la sua provincia e la maggior parte della Venezia Giulia, in precedenza facenti parte dell’Italia.

L’AGENDA, TUTTE LE NOTIZIE! COME?

Visita il sito internet. Iscriviti alla pagina Facebook, clicca “Mi Piace” e non perderti più nemmeno una notizia! Segui L’Agenda su InstagramTwitter e YouTube.