Crea sito

All'Istituto Enzo Ferrari di Susa presentato l'accordo di formazione scuola-lavoro con Conisa, Asl e Synergie

SUSA- Nell’auditorium dell’Istituto Scolastico Enzo Ferrari di Susa si è svolta oggi, venerdì 2 febbraio, la presentazione del progetto scolastico che vedrà la sinergia della scuola, l’AslTo3 e di alcuni soggetti imprenditoriali del territorio che ha per tema l’attività di scuola-lavoro nell’ambito sanitario.

Ha iniziato gli interventi il sindaco di Susa  Sandro Plano che ha portato il saluto dell’istituzione comunale e dell’Unione Montana Valsusa. Il sindaco ha ricordato l’importanza dei percorsi educativi e della loro evoluzione nel passaggio degli anni. Plano si è detto soddisfatto del valore che l’Istituto Ferrari porta in tutta la Valle.

Gli interventi

Mauro Occhi, Direttore del Distretto Scolastico della Valsusa: “La scuola deve avere una visione oltre lo standard, un’offerta formativa che proponga ai ragazzi il mondo del lavoro come una palestra formativa”. Il professore ha spiegato come si è sviluppata la proposta che oggi viene presentata a Susa che nelle intenzioni potrebbe essere un progetto pilota. Il professore ha indicato nella “colpevole” dell’iniziativa la Direttrice Didattica Anna Giaccone, che ha fortemente voluto e portato a termine questa iniziativa.

Istituto Ferrari Susa

Il dottor Flavio Boraso, Direttore dell’Asl To3,  sul progetto incentrato sulle difficoltà di allievi con disabilità che: “A volte dalla folla nascono le idee geniali” il dottore ha dato la massima disponibilità dell’ente sanitario a sviluppare e perseguire il buon esito dell’iniziativa. Franco Francavilla, dell’Ufficio Scolastico Regionale, ha spiegato l’importanza dell’alternanza scuola-lavoro sia come momento formativo che come spazio d’inclusione. Francavilla si è detto convinto del buon esito del progetto dato l’alto livello dei partecipanti al progetto come il Conisa, L’AslTo3, l’Istituto Scolastico Ferrari di Susa, l’Ufficio Scolastico. “Abbiamo immaginato questo progetto con uno sguardo verso l’esempio anglosassone che ha nel futuro della scuola ciò che avviene dopo gli studi“.

Anna Abburrà, del Conisa, si è detta piacevolmente sorpresa dal buon esito del progetto che avrà grandi possibilità di crescita in un sistema di comunicazione tra scuola e istituzioni del territorio. Carla Raimondo, dell’Ufficio Sostegno, ha spiegato la variegata strutturazione dei progetti scuola-lavoro e la loro implicazione sulle scelte scolastiche dei singoli e degli Istituti. Antonio Ferrentino ha portato il saluto delle Regione Piemonte ed ha ringraziato tutti i soggetti protagonisti del progetto: “Questa è una grande opportunità, un progetto che contamina il mondo della scuola con quello del lavoro– ha detto Ferrentino – ed è un bene che parta da Susa“.

Martin Dodman, professore universitario e tessitore del progetto insegna nell’ateneo torinese Educazione Comparata. Il docente segue lo studio tra sistemi scolastici come fattori di sviluppo. Questi progetti ha detto Dodman: “Seguono tre obbiettivi: promuovere l’attitudine alla conoscenza tutta la vita, costruire un progetto di vita professionale e la piena cittadinanza nella società“. La scuola attiva è un potenziamento di vantaggi per i ragazzi, ha spiegato il docente, l’alternanza scuola lavoro è integrativa e inclusiva. Antonia Del Vecchio, di Synergie, ha fatto una disamina sulle realtà protette nel mondo del lavoro. Il tema disabili è stato spiegato grazie a tabelle, dati e norme di legge. Un utile passaggio nell’ambito della presentazione che ha fatto toccare con mano quanto sia attuale e importante questa realtà negli ambiti lavorativi.

La Dirigente Anna Giaccone, in conclusione, ha ringraziato i presenti ed ha annunciato che il progetto partirà tra pochi giorni offrendo un ulteriore servizio di crescita, e possibilità, alla formazione che l’Istituto Scolastico Enzo Ferrari di Susa offre ai suoi studenti e alla famiglie che scelgono la scuola segusina come ambito di formazione per i ragazzi.

Istituto Ferrari Susa