Alla Pinacoteca di Chiomonte Giuseppe Augusto Levis l’archiviazione delle immagini Dalla Direzione Generale Creatività Contemporanea del Ministero della Cultura

CHIOMONTE – La Pinacoteca di Chiomonte intitolata al pittore Giuseppe Augusto Levis, in collaborazione con Arteco, ha vinto il bando Strategia Fotografia 2020. E’ stato promosso dalla Direzione Generale Creatività Contemporanea del Ministero della Cultura. E’ stato proposto il progetto fotografico di Arianna Arcara. L’artista a partire dalla collezione del museo di Chiomonte fotograferà anche il territorio della Valsusa dove dipinse Levis. L’associazione Arteco si sta dedicando ai lavori di inventariazione e ricerca, grazie alla collaborazione con gli eredi Levis, per definire il nuovo percorso espositivo nelle rinnovate sale del museo. Il riallestimento è parte del progetto “Riscoprendo Levis”. Selezionato per il bando “Luoghi della Cultura 2020“, promosso da Compagnia di San Paolo.

I PAESAGGI

I paesaggi alpini di Giuseppe Augusto Levis, assieme a quelli di pochi altri autori piemontesi ottocenteschi, consentono di approfondire la memoria della vita dell’alta Valsusa. Messa a confronto con le altre valli piemontesi, creando un forte collegamento con la storia delle comunità circostanti. Il museo nasce a seguito del lascito testamentario del pittore Giuseppe Augusto Levis al Comune di Chiomonte. Di un’ampia selezione delle sue opere databili entro i primi trent’anni del Novecento (1926), che l’artista, grazie ad un’apposita commissione, dispone che venga suddivisa equamente per quantità e qualità tra i Comuni di Chiomonte e Racconigi, destinandola a scopi educativi e sociali.

chiomonte levis

LA PINACOTECA

Per la costituzione vera e propria della Pinacoteca di Chiomonte si è dovuto attendere la morte della moglie del pittore, Maria Teresa Biancotti (1947), e le successive procedure formali per l’entrata in possesso da parte dei Comuni dei dipinti, conclusasi solo nel 1962. Dal 1974 quattro sale dello storico Palazzo di famiglia Levis, sono adibite a sede espositiva. Con aperture variabili, gli spazi della Pinacoteca vengono riqualificati intorno all’inizio degli anni Novanta e aperti al pubblico regolarmente dal 2008.

RESTA AGGIORNATO SU TUTTE LE NOSTRE NOTIZIE! COME?

Iscriviti alla nostra pagina Facebook L’Agenda News: clicca “Mi Piace” e gestisci impostazioni e notifiche in modo da non perderti più nemmeno una notizia!