Accordo Regione Piemonte e gestori delle strutture residenziali

casa riposo anziani

TORINO – Accordo Regione Piemonte e gestori delle strutture residenziali: riconosciuto aumento del 3,5% per la quota sanitaria, nessun impatto sulle rette a carico delle famiglie.

ACCORDO REGIONE PIEMONTE E GESTORI DELLE STRUTTURE RESIDENZIALI

La Regione Piemonte e i rappresentanti degli enti gestori delle strutture residenziali – RSA, disabilità, psichiatria, dipendenze e minori – hanno raggiunto un accordo sulle risorse a sostegno del comparto al termine di un incontro, ieri, al Grattacielo Piemonte al quale hanno partecipato il presidente della Regione Piemonte, Alberto Cirio, e gli assessori alle politiche sociali, Maurizio Marrone e alla Sanità, Luigi Genesio Icardi. Durante la riunione è stata espressa unanimemente la volontà di affrontare le difficoltà del settore e di individuare una strada che consenta di sostenere il sistema, senza gravare sulle famiglie. Gli enti gestori hanno riconosciuto l’impegno della Regione, che già nel 2021 aveva provveduto a un primo adeguamento delle risorse, e da parte dell’amministrazione è arrivato l’apprezzamento per il ruolo attivo e partecipe delle strutture nella gestione della pandemia. Si è convenuto che per l’anno 2024 la Regione Piemonte riconosca un aumento delle risorse destinate ai gestori delle strutture residenziali a integrazione della quota sanitaria, pari al 3,5% per una cifra di 16 milioni di euro.

LE RISORSE

Queste risorse sono riservate alla quota dei posti letto convenzionati con il sistema sanitario nazionale, ma sono vincolate al fatto che nemmeno la tariffa dei posti non convenzionati venga rivista al rialzo. Inoltre, la Regione ha richiamato le strutture firmatarie dell’accordo al rispetto dei contratti comparativamente più rappresentativi, così come previsto dalla delibera, approvata ieri dalla giunta regionale, che richiama l’accordo sottoscritto lo scorso novembre con le rappresentanze sindacali dei lavoratori. Il presidente Cirio, gli assessori Marrone e Icardi: «La Regione individua 16 milioni a sostegno di tutte le strutture residenziali e richiama al rispetto dei contratti riconosciuti per le strutture accreditate».

L’AGENDA, TUTTE LE NOTIZIE! COME?

Visita il sito internet. Iscriviti alla pagina Facebook, clicca “Mi Piace” e non perderti più nemmeno una notizia! Segui L’Agenda su InstagramTwitter e YouTube.