Susa ricorda il partito socialista per una sera Serata di approfondimento con Giusi La Ganga

Librerie Panassi

SUSA – Nella sala della Libreria Panassi a Susa si è svolto il primo incontro voluto dall’associazione Segno per approfondire le grandi idee politiche del Novecento. Il presidente dell’associazione Fabrizio Zandonatti ha portato il suo saluto e l’invito a seguire le serate. Ospite della serata Giusi La Ganga, socialista doc ai tempi della “Milano da bere”, che ha ripercorso la storia del Partito Socialista nel suo lungo cammino. Al suo fianco il giornalista Giorgio Brezzo che nell’introduzione ha dato il senso di queste serate. “Parlando degli incontri con dei giovani ho detto che avremmo parlato dei socialisti e di Craxi. Un viaggio nel periodo forse più conosciuto e discusso della storia della repubblica che tanto ha dato e tanto ha tolto agli elettori socialisti. Con un finale a dir poco amaro che ha sancito la fine della prima repubblica.

CHI ERA CRAXI

Alla serata di Susa Giorgio Brezzo ha parlato di Craxi. Ha voluto spiegare chi fosse e cosa avesse lasciato in eredità alla politica italaina. La Ganga con un piglio e una cortesia da grande uomo politico ha ricordato la nascita del socialismo, il periodo giolittiano e l’avventura del PSI nel periodo della Prima Repubblica prima che le inchieste sulla corruzione ne decretassero di fatto la fine. In sala la politica che fu da Germano Bellicardi democristiano, Antonio Paone socialista e Sergio Marchini liberale. A pensare alla politica attuale viene subito da pensare cosa disse Margaret Thatcher il giorno che lasciò la carica da Primo Ministro: “Sapete cosa lasciate ma non sapete cosa troverete”, per alcuni aspetti aveva ragione. Il prossimo appuntamento sarà venerdì 15 gennaio, si parlerà del Partito Liberale Italiano.

RESTA AGGIORNATO SU TUTTE LE NOSTRE NOTIZIE! COME?

Susa. Iscriviti alla nostra pagina Facebook L’Agenda News: clicca “Mi Piace” e gestisci impostazioni e notifiche in modo da non perderti più nemmeno una notizia! Metti mi piace alla pagina YouTube dell’Agenda.