A Moncenisio è nato Enea, uno dei comuni più piccoli d’Italia ha un abitante in più Un lieto evento che porta tanta felicità e segnali di ottimismo sulle nostre montagne

Neonato bambino

MONCENISIO – A Moncenisio è nato Enea, uno dei comuni più piccoli d’Italia ha un abitante in più. Scrive il sindaco Mauro Carena: “È nato Enea, il nostro più piccolo residente. Dopo Aurora, che ha quasi un anno, e Virginia, sette anni, un altro lieto evento che porta tanta felicità e segnali di ottimismo sulle nostre montagne. Un grande abbraccio al papà Davide e alla mamma Gloria, quest’ultima tra l’altro nipote dello storico sindaco di Moncenisio Lorenzo Chiavanna“.

UN PICCOLO COMUNE

Lo scorso anno a Moncenisio era nata Aurora. Un’altra bella notizia per uno dei comuni più piccoli d’Italia, il più piccolo del Piemonte con 32 abitanti secondo i dati Istat aggiornati al 1° gennaio 2021. Dopo anni che non si erano registrate nascite, il fiocco rosa aveva portato una ventata di gioia nel comune a poca distanza dal confine francese. Moncenisio è anche il comune più piccolo della Valsusa per numero di abitanti. In questi borghi vivono tra le 40 le 700 persone. Per la maggior parte sono comuni montani, ma con qualche sorpresa, divisi tra alta e bassa Valsusa. Molte abitazioni di questi comuni sono lontane dal centro del paese, disperse sui pendii delle montagne circostanti. Alcuni di essi un tempo erano più popolosi, ma nel corso del secolo scorso hanno vissuto lo svuotamento graduale. Oggi sono ricercati per l’atmosfera autentica e l’isolamento dalla realtà.

MONCENISIO

Moncenisio, insieme ai comuni di Novalesa, Venaus, Giaglione e Mompantero, si trova in una valle laterale della Val Susa, la Val Cenischia. Moncenisio (Monsnis in piemontese, Moueini in francoprovenzale) è un comune che si trova nei pressi del Colle del Moncenisio. Fino a prima della seconda guerra mondiale il comune aveva il nome di Ferrera Cenisio (Frere Cenisio in francoprovenzale). Il nome venne cambiato in polemica con la Francia nel 1940, quando la sede municipale venne spostata al colle dal podestà fascista dell’epoca.

RESTA AGGIORNATO SU TUTTE LE NOSTRE NOTIZIE! COME?

Iscriviti alla nostra pagina Facebook L’Agenda News: clicca “Mi Piace” e gestisci impostazioni e notifiche in modo da non perderti più nemmeno una notizia!