A Bardonecchia si scopriranno le virtù dei Savoia In Biblioteca il 26 dicembre l’autore Dino Ramella

BARDONECCHIA – Il pomeriggio del 26 dicembre in Biblioteca sarà dedicato alla Casa Savoia. Alle 16,30 Dino Ramella presenterà il suo libro “Ritratti Sabaudi, vizi e virtù di Casa Savoia”, edito nel 2008 da Edizioni Ananke. Il testo ripercorre la vita di Re, Regine, Principi e Principesse di Casa Savoia dal 1713, anno di acquisizione del titolo reale del casato, sino ai giorni nostri, un vero e proprio album fotografico, narrante non la storia dei personaggi,ma i personaggi stessi.Testi e immagini, molte delle quali inedite, si alternano nel racconto dei vizi, delle virtù, degli aneddoti e delle curiosità, delle abitudini e dei retroscena amorosi legati a ciascun personaggio, in un linguaggio scorrevole e semplice, adatto ad ogni tipo di lettore.

IL LIBRO

Il libro sui Savoia presentato a Bardonecchia si compone di dieci capitoli. Ciascuno dei quali affronta un periodo storico preciso dei tre secoli trattati. Studioso e appassionato storico di Casa Savoia, l’autore non solo si soffermerà sul libro citato, ma accennerà anche al suo secondo libro pubblicato nel settembre 2011 “Amori e selvaggina vita privata di Vittorio Emanuele II” , in occasione del 150° dell’Unità d’Italia, e ai personaggi che hanno soggiornato a Bardonecchia, quale località di vacanza invernale e estiva.

LA STORIA di BARDONECCHIA

Originariamente la conca di Bardonecchia era occupata da un lago. Alimentato dai torrenti alpini e avente come emissario la Dora di Bardonecchia. A testimonianza di ciò vi è l’antica denominazione della chiesa parrocchiale di Bardonecchia, Santa Maria ad lacum. Eretta nell’attuale Borgo Vecchio. Poi i Saraceni avrebbero aperto il varco alle acque del lago “tagliando” la corta parete rocciosa che univa le pendici del monte Jafferau a quelle del Bramafam. Arriviamo al 1334 quando un Bardonnèche, Francesco, signore di Cels, si ribellò a Umberto II del Delfinato: il castello di Cels fu demolito. Bardonecchia prestò giuramento di fedeltà a Vittorio Amedeo in Susa il 1º gennaio 1709. Da allora Bardonecchia non appartenne più alla Francia. Il Frejus. Lo scavo della galleria venne completato il 25 dicembre 1870 e il traforo fu inaugurato il 17 settembre 1871.

RESTA AGGIORNATO SU TUTTE LE NOSTRE NOTIZIE! COME?

Bardonecchia. Iscriviti alla nostra pagina Facebook L’Agenda News: clicca “Mi Piace” e gestisci impostazioni e notifiche in modo da non perderti più nemmeno una notizia!