Crea sito

Susa: gli attivisti di Chez Jesus interrompono la Messa a San Giusto I fedeli hanno assistito attoniti alla consegna di volantini contro il Vescovo

Claviere, i locali utilizzati per i profughi

SUSA – Questa mattina la messa alla Cattedrale di San Giusto è stata interrotta da un gruppo di attivisti di Chez Jesus, il locale occupato nella parrocchia di Claviere per dare rifugio ai profughi sgomberato quattro giorni fa dalle forze dell’ordine.

Ai fedeli attoniti sono stati distribuiti dei volantini che sono stati illustrati:  “Siamo qua perché questa chiesa è responsabile. Perché il vescovo, monsignor Alfonso Badini Confalonieri, è responsabile. Mercoledì 10 ottobre il Rifugio Autogestito Chez Jesus, il sottochiesa occupato di Claviere, è stato sgomberato. 14 camionette della celere, digos, carabinieri. Hanno sfondato la porta con un ariete e hanno buttato fuori tutti e tutto”.

Secondo gli attivisti, lo sgombero è stato organizzato in accordo con la diocesi, che presto prirà un centro di accoglienza a Oulx, “a 15 chilometri dalla frontiera, lontano dai sentieri che ogni notte vengono attraversati da tanti e tante che vogliono andare in Francia e in una struttura affittata ai salesiani gestita da due associazioni legate alla chiesa. Un bel circuito economico. La solidarietà e la rabbia verso questo assurdo sistema che seleziona e uccide sono stati la nostra arma quotidiana e non sarà uno sgombero a farci cambiare idea”.