Crea sito

In Senato la Casolati parla dei Centri Sociali NoTav contro le Forze dellOrdine Un comunicato dell'agenzia nazionale ANSA riporta l'intervento

La senatrice Marzia Casolati

ROMA – La senatrice Marzia Casolati (Lega) ha fatto un severo intervento in Aula condannando quanto avviene da anni, e in particolare in questi giorni, in Valsusa da parte del Movimento NoTav e i Centri Sociali che lo animano. In un lancio dell’agenzia nazionale ANSA vengono riportate le parole della senatrice.

VIDEO

Sono state ore di tensione e di violenza contro le Forze dell’Ordine; attacchi studiati, che destano preoccupazione nei cittadini e negli imprenditori valsusini imbavagliati da sindaci, eletti da minoranze, – ha detto la senatrice – e da forze sociali riconducibili a vecchi brigatisti rossi scarcerati che continuano la loro battaglia personale utlizzando i ragazzi dei Centro Sociali”.

“In questo conteso voglio ricordare che gli attivisti NoTav, che hanno utilizzato negli anni passati bombe carta e altri strumenti illegali agiscono anche con intimidazioni verso la popolazione sana e responsabile della Valsusa. Questi soggetti sono diretti e indirizzati dai centri sociali che sfruttando un opposizione ormai insensata nei fatti alla costruzione della linea ferroviaria, ottengono due chiari obiettivi. Il primo è politico, perchè agendo così rafforzano la loro posizione in un quadro internazionale, dall’altro come ad esempio con il Festival Alta Felicità, che si svolgerà nel fine settimana, incamerano sostanziosi profitti che poi utilizzano per le loro attività delinquenziali”.

Ha concluso la Casolati: “E’ oramai anni che tutto questo accade in un valle che rischia, senza questo fondamentale cantiere internazionale, di perdere il futuro economico e produttivo. Raccolgo con estrema soddisfazione la dichiarazione del Ministro Toninelli che ha detto di essere, se pur in una revisione possibile e apprezzabile, concorde nel mantenere gli impegni presi anche da questa camera con votazione nella scorsa legislatura, i lavori della TAV. E’ chiaro questa posizione renderà il controllo del territorio più semplice ed isolerà le frange dei Centro Sociali togliendoli una protezione che fino ad oggi credevano di avere in parte del Governo”.