Crea sito

Sauze d’Oulx: il sindaco vuole l’innevamento nel Vallone del Rio Nero come collegamento alla Vialattea C'è un progetto che poi si era arenato sulle modalità di gestione dell’impianto

Sauze d'Oulx, il vallone del Rio Nero

SAUZE D’OULX – Quale futuro per lo sci a Sauze d’Oulx e per la garanzia di collegamento della Via Lattea? I cambiamenti climatici in atto e le previsioni tutt’altro che incoraggianti hanno causato e di certo causeranno ancor di più un profondo cambiamento nel modo di intendere lo sci inteso come da un secolo a questa parte. Il dato che pare certo e che desta sempre più preoccupazione è quello del progressivo innalzamento della quota neve. Le stazioni a bassa quota devono pertanto ripensare al proprio futuro, e farlo prima che sia troppo tardi. Sauze d’Oulx con i suoi 1500 metri a livello di paese deve iniziare a ragionare sul proprio futuro e garantirsi tutti i possibili collegamenti con le piste in quota, che sono quelle che indubbiamente garantiranno il futuro stesso della stazione.

Sull’innevamento programmato del Vallone del Rio Nero

Ecco allora che torna più che mai d’attualità il ragionamento sul Vallone del Rio Nero. Un Vallone che a questo punto diventa sempre più strategico per sfidare il futuro. Ecco allora la riflessione del sindaco Mauro Meneguzzi: “Dobbiamo tornare a parlare seriamente dell’innevamento programmato del Vallone del Rio Nero. Un’area strategica che insiste territorialmente su quattro Comuni e che interessa oltre a Sauze d’Oulx anche i Comuni confinanti di Sestriere, Cesana Torinese e di Oulx. Il Comune di Sauze d’Oulx aveva già portato  il progetto  di fattibilità, elaborato dall’architetto Fasano e Tecnoalpin,  all’attenzione dell’Unione Montana e della Fondazione XX Marzo. Progetto che poi si era arenato sulle modalità di gestione dell’impianto (costi produzione neve) che bisogna assolutamente superare al più presto. L’innevamento programmato del Vallone del Rio Nero ci permetterebbe di garantire sempre il collegamento delle nostre aree sciabili ed il “valore aggiunto ed unico” che il comprensorio VIA LATTEA ha e deve mantenere. Un progetto che ovviamente deve vedere in prima fila la Società degli impianti e sul quale il Comune di Sauze d’Oulx è pronto a fare la sua parte e anche di più; certo è che l’interesse per detto importante investimento, sia infrastrutturale che gestionale, deve vedere obbligatoriamente la compartecipazione degli altri Comuni territorialmente interessati”.