Crea sito

Oulx, la grande festa nella frazione di Château Beaulard Sabato 28 luglio nella piccola pieve di San Bartolomeo

Oulx, frazione Puy Beaualard

OULX – La giornata di sabato 28 luglio a Château Beaulard può perciò essere letta come piena espressione del suggello tra percorsi sperimentali e tradizione locale, nel solco del progetto delineato da Borgate dal vivo. Un risorgimento o riscatto culturale in territori che possono vivere di ritorni, demografici ed economici, attraverso eventi culturali. Infatti, nella piccola pieve di San Bartolomeo s’incontrano sì le istanze di studiosi e amministratori, ma anche le tradizioni centenarie dell’Alta Valle, con la festa che seguirà il pomeriggio di studi, tra goffres – le deliziose cialde dolci o salate tipiche – e, dalle 21, il concerto dell’Orchestra Filarmonica Concordia di San Giorio e della Banda Musicale Alta Valle di Susa presso Casa Chalier.

Château Beaulard è il punto di partenza per le escursioni al Rifugio Rey e al massiccio della Grand’Hoche. Ma Château Beaulard, situata a 1387 metri di altitudine su un ampio terrazzo che domina la valle di Bardonecchia, è anche un luogo su cui soffermarsi. La chiesa parrocchiale dedicata a San Bartolomeo Apostolo, risalente al 1493, col bel campanile in stile delfinale, è una delle tante perle incastonate al centro di questo “corridoio” in trasformazione, intreccio tra urbano e montano, cultura e natura, conosciuto come Val di Susa. Un corridoio che si è svelato – o piuttosto è stato saggiamente riconfigurato – come stanza accogliente, vero e proprio laboratorio dell’abitare e del vivere, grazie a iniziative come il Laboratorio Alpino 2014-2017 promosso da CIPRA Italia.