Crea sito

Oulx: al festival delle migrazioni “Siediti vicino a me”si parlerà di accoglienza Sabato 1 dicembre all’auditorium dell’Istituto Des Ambrois dalle ore 10.30

Oulx, il Liceo Des Ambrois

OULX – Sabato 1 dicembre all’Auditorium dell’Istituto Des Ambrois Acti Teatri Indipendenti, Almateatro e Tedacà con il sostegno di Regione Piemonte, Fondazione Piemonte dal Vivo e Compagnia di San Paolo organizzano il Festival delle migrazioni “Siediti vicino a me”, un ‘occasione per parlare di accoglienza in cui si dibatteranno temi che attraversano corpi e luoghi e coinvolgono profondamente il comune e tutto il territorio della Valsusa.

Una giornata di dibattiti, incontri, workshop e concerti che vuole raccontare i progetti di micro accoglienza e la gestione delle emergenze, due aspetti di un lavoro capillare e quotidiano di tutela dei diritti umani portato avanti dalle amministrazioni in collaborazione con la Prefettura, le associazioni e il Co.ni.s.a.

Il programma

  • Ore 10.30 Nazioni, uomini, donne e frontiere Interverranno Gianfranco Crua, Carlo Greppi, Vesna Scepanovic , Vincent Fauber, Muna Khorzom, Ruth Kiyidou, Piero Gorza, Fabrice Olivier Dubosc e Barbara Debernardi .
  • Ore 10.30 laboratori  per incoraggiare la conoscenza di culture differenti attraverso la musica e la danza: il workshop di percussioni africane a cura di Magatte Djieng dell’Associazione Tamra.
  • Ore 11.30 corso di Danze Rom di Ivana Nikolic.
  • Ore 14.30 con il convegno Valle di Susa: i nostri modelli di accoglienza, che illustrerà al pubblico il lavoro fatto in questi mesi. Interverranno, oltre al Sindaco Paolo De Marchis, Monica Cerutti, Assessore regionale per i diritti e l’immigrazione, Francesco Avato, Paolo Narcisi di Rainbow for Africa e Don Luigi Chiampo . Modererà l’incontro Alberto Milesi.
  • Ore 16.30, Diritti alla meta, a cui partecipano Silvia Massara, Roland Siewe, Alberto Mossino, Laura Martinelli, Coly Souleymane e Umberto Morelli, moderati da Piero Gorza.
  • Ore 18.30 merenda sinoira delle cittadinanze alleggerirà il confronto con lo scambio di piatti tipici preparati dalle associazioni che collaborano con il Festival delle Migrazioni.
  • Ore 19.30, concerto dei Kora Beat, band nata a Torino da un’idea del Maestro Cheikh Fall che ibrida a generi come il jazz e funk gli strumenti tradizionali africani.