Crea sito

L’ostello di Avigliana diventerà un Centro per profughi? L’ennesimo bando è andato deserto Il Comune ha speso 160 mila euro la struttura rimane vuota

Avigliana, l'ostello

AVIGLIANA –L’ostello di Avigliana, in piazza Conte Rosso, in attività a fasi alterne da anni non trova un gestore. La storia racconta di un contributo europeo con il quale l’attività prese avvio ma con delle limitazioni che ancora oggi pesano, e non poco, sulla possibilità di gestire la struttura con profitto. Senza incasso, c’è poco da discutere, nessun operatore si accollerà mai la gestione dell’ostello. Negli anni le amministrazioni non hanno certo lesinato investimenti, che almeno fino ad oggi sono stati come buttare soldi in un pozzo, senza fine. L’ultimo assegno staccato dall’amministrazione Archinà è stato di 160 mila euro.

Un gestore dovrebbe spendere 70 mila euro

Questo denaro è servito per riavviare la struttura? Pare di no, tant’è che all’ultimo bando di gestione che è scaduto il 6 luglio nessuno ha partecipato. Non il primo, e se le condizioni rimarranno le stesse, non sarà l’ultimo anche perchè si chiede ad un eventuale gestore di tirare fuori dalla saccoccia qualcosa come 70 mila euro. L’ultima intenzione del giunta Archinà pare sia un affidamento diretto. Se la cosa sia lecita o no sarà argomento in Consiglio Comunale. “In Consiglio ci sarà un’interrogazione sulla questione del bando per la Casa per Ferie che andato deserto – dice Toni Spanò dall’opposizione – lo facciamo perché riteniamo che quest’assenza di interesse per la struttura sia un chiaro ulteriore segnale d’allarme rispetto all’insufficenza delle politiche del turismo di questa amministrazione. Sempre che sotto non ci sia altro“.

Una voce che gira in città da tempo, che non trova conferme e smentite, vedrebbe la struttura come una possibile sede di un Centro di Accoglienza per profughi. Una cooperativa potrebbe affittarla, i soldi sarebbe sicuri perchè in arrivo dal Ministero. Una soluzione che accontenterebbe una parte politica della città e servirebbe a rimpinguare le casse del Comune.