Crea sito

La pista del bob di Cesana per le Olimpiadi di Milano-Cortina, la proposta di Alberto Colomb Sistemarla costerebbe 10 milioni, una nuova a Cortina 50 milioni di euro

Cesana Torinese, la pista da bob (foto Vialattea)

CESANA – L’esponente di Forza Italia Alberto Colomb, coordinatore azzurro dell’Alta Valle di Susa – Vialattea in una nota propone l’impianto valsusino nel dossier delle Olimpiadi 2026. “La candidatura di Torino alle Olimpiadi Invernali del 2026 è sfumata per la conclamata irresponsabilità della giunta comunale cinquestelle di Torino, tuttavia la possibilità di inserire alcune sedi di gare nel masterplan del CIO per la candidatura italiana Milano-Cortina deve essere presa in considerazione Vialattea – in particolare l’impianto olimpico del bob di Cesana San Sicario, unica struttura moderna esistente in Italia realizzata per le Olimpiadi Invernali di Torino 2006, potrebbe essere la scelta ottimale per contenere i costi della candidatura italiana.

“Infatti, come dimostra lo studio di fattibilità presentato dalla Camera di Commercio di Torino, riportare in funzione l’impianto olimpico del bob di Cesana San Sicario costerebbe intorno ai 10 milioni di euro, sarebbe una scelta sostenibile dal punto di vista economico mentre scegliere la pista olimpica a ghiaccio naturale Eugenio Monti di Cortina, risalente al 1956, quanto si disputarono sulle Dolomiti le Olimpiadi Invernali richiederebbe costruire ex novo un impianto olimpico del bob, costo stimato superiore ai 50 milioni di euro, con i requisiti tecnici e di sicurezza odierni, considerando lo stato di completo degrado e abbandono in cui versa la pista di Cortina concepita oltre settanta anni fa. Dopo lo scippo dei 29 milioni di euro dell’Agenzia Torino 2006 che il governo giallo-verde ha sottratto al sistema neve montano – conclude l’esponente azzurro – ora perchè sprecare altri soldi pubblici per costruire un nuovo impianto a Cortina?”.

Alberto Colomb