Crea sito

La Lega di Giaveno: “E’ necessario un maggiore presidio del territorio” Secondo gli esponenti politici bisogna attivare un tavolo sulla sicurezza

Giaveno, piazza San Lorenzo

GIAVENO – Stefano Olocco e Parizio Sgarra, Lega Giaveno, intervengono con un comunicato dopo la lunga serie di furti e tentate effrazioni che hanno segnato gli ultimi giorni in Val Sangone. “Non ci fa certo piacere commentare e scrivere su questa ondata di furti  che ha investito Giaveno e comuni limitrofi come Valgioie; urge intervenire su questo argomento che terrorizza tutti i residenti. Da sempre la Lega è a favore di un maggiore presidio del territorio,  unica scelta che può portare alla prevenzione di tali crimini. Proprio per questo, circa quattro anni fa, ci facevamo portatori di un tavolo sulla sicurezza coinvolgendo l’amministrazione comunale che però  dopo uno, al massimo due incontri non è mai decollato”. 

Ci auguriamo quindi che venga così incrementato l’atto di prevenzione

Gli esponenti del carroccio pongono l’argomento come sintesi del prossimo programma elettorale: “Ci viene da pensare che questo argomento non sia per tutti un punto centrale ed importante da sviluppare ed incentivare. Dinanzi a questa situazione è chiaro che il primo obiettivo è cercare  di aumentare il corpo di Polizia Municipale a numeri più congrui ed  ovviamente coordinare al meglio tutte le altre forze come Carabinieri e la vigilanza privata. Sappiamo che l’attuale amministrazione ha in serbo un piano per  introdurre un numero maggiore di telecamere sul nostro territorio,  telecamere che restano un importante strumento di indagine ma che non servono a prevenire i crimini e sopratutto, visti i risultati odierni,  nei vari ingressi di Giaveno possiamo affermare che non hanno avuto lo sperato effetto di deterrenza. – concludono Olocco e Sgarra – Ci auguriamo quindi che venga così incrementato l’atto di prevenzione e  ribadiamo come abbiamo già fatto quattro anni fa nella nostra istanza  che è necessario presidiare in maniera maggiore il territorio“.