Crea sito

La coordinatrice europea del Corridoio Mediterraneo, Iveta Radičová, visita i cantieri della Torino-Lione "Questo è il risultato di uno sforzo congiunto fra: Italia, Francia e Unione europea"

Iveta Radičová al cantiere TAV

S.MARTIN LA PORTE (FRANCIA) – Iveta Radičová ha visitato oggi il cantiere della sezione transfrontaliera della Torino-Lione. L’ex premier slovacca, dal 16 settembre coordinatrice europea del Corridoio Mediterraneo, dopo l’ex ministro olandese Jan Brinkhorst, è stata oggi a Saint Martin La Porte, Francia. Scopo della visita, a cui ha partecipato anche una delegazione dell’INEA (Innovation & Networks Executive Agency), rendersi conto di persona dello stato dei lavori.

Accompagnata dal Direttore Generale di Telt, Mario Virano, Radičová è entrata nella galleria di Saint Martin La Porte, dove la fresa Federica ha superato il 60% dello scavo di 9 chilomteri nell’asse e nel diametro del tunnel di base del Moncenisio. Attualmente nel cantiere sono al lavoro 450 operai, in gran parte provenienti dal territorio, impegnati 24 ore al giorno, sette giorni su sette. I vertici di TELT hanno illustrato alla coordinatrice l’avanzamento dei lavori dell’infrastruttura, che fa parte del Corridoio Mediterraneo ed è una delle 9 dorsali della rete di trasporto ferroviario TEN-T, finanziata dall’Unione Europea.

La delegazione ha anche visitato lo stabilimento in cui vengono prodotti i conci di rivestimento del tunnel di base, situato a pochi km dal cantiere. “Comprendo pienamente che il governo italiano voglia assicurarsi dell’efficacia del progetto – ha commentato la Coordinatrice europea Radičová  – Nello stesso tempo vorrei sottolineare che questo è risultato di uno sforzo congiunto fra tre partner, l’Italia, la Francia e l’Unione europea. Ci sono in tutto sette analisi costi-benefici e tutte hanno confermato che il progetto migliorerà l’ambiente, ridurrà il numero di mezzi pesanti dalle congestionate strade italiane e francesi, facilitando il transito di merci e passeggeri in questa importante sezione transfrontaliera. Vorrei ribadire che il progetto è a favore dei cttadini e che la maggioranza di loro lo supporta”.