Crea sito

Il Lions Club Susa-Rocciamelone a lavoro in Comunità Psichiatrica con un laboratorio di scrittura Maria Teresa Vivino, che cura il laboratorio: "Il nostro filo conduttore è stato il celebre libro di Antoine de Saint-Exupery"

Maria Teresa Vivino

SUSA – Presso la Comunità Psichiatrica I Pini è stato presentato un progetto voluto Lions Club Susa-Rocciamelone, presidente Fabio Cappiello e direttivo Chiara Joannas ex segretaria e Matteo Serluca. Si tratta di un laboratorio di  Scrittura Terapia perchè la parola scritta, abbinata spesso anche alle immagini, può essere fonte di benessere, che sgorga direttamente da una zona spesso sconosciuta come l’anima. Non è una tecnica innovativa, certo, perché l’Arteterapia come disciplina esiste fin dal primo dopoguerra, per sviscerare i traumi degli ex militari.

Spiega Maria Teresa Vivino, che cura il laboratorio: “Il nostro filo conduttore è stato il celebre libro di Antoine de Saint-Exupery: Il piccolo principe. Questo testo, proposto spesso come libro per bambini è, invece, uno dei classici maggiormente tradotto nel mondo e usufruito proprio dagli adulti. Il libro, come l’omonino film sono stati il file rouge, ma gli stimoli sono stati numerosi: aforismi di vari autori, letture, immagini, Pinocchio e numerosi altri testi per l’infanzia’ riproposti in chiave critica agli Ospiti della Comunità che sono invece degli adulti. Ogni ospite, tramite gli stimoli proposti, ha realizzato immagini (disegni, segni, apparenti scarabocchi da interpretare) e steso aforismi, racconti, parole, suggestioni. Come Lions Club abbiamo deciso di fare una sorpresa agli ospiti che hanno partecipato, chi più chi meno, sempre e con entusiasmo“.