Crea sito

Il Folatone a Vaie protagonista di un documentario Presentazione a Torino il 23 novembre

Vaie, borgata Folatone

VAIE – “Ou Foulatoun tra storia e memoria” è il titolo del documentario realizzato dall’Università della Terza Età di Sant’Antonino in collaborazione con il MAPforUS – Mapping Alpine Place- names for Upward Sociality presso il Dipartimento di Studi Umanistici dell’Università di Torino e che sarà presentato venerdì prossimo, 23 novembre, alle ore 21 presso la sala degli specchi di Via Martiri della Libertà 9. Si tratta della riproposizione in chiave documentaristica della vita sociale nella frazione alpina di Vaie nei primi decenni del Novecento attraverso una serie di interviste a quanti hanno vissuto quel pezzo di storia o ne hanno dei ricordi. La regia è di Luigi Cantore autore di diversi filmati, del più noto “Il profumo di resina” e del recente “La vita è una maratona” dedicato a Maura Viceconte.

Il Gruppo Teatroinsieme di Susa ha contribuito alle coreografie e alle rappresentazioni sceniche che hanno illustrato la vita quotidiana al Folatone: il lavoro, la scuola, le feste, la vita quotidiana. Protagonisti delle interviste nella parlata francoprovenzale sono state Costantina Rosa Brunet, Elio Giaccone e Carmela Vair. Il documentario è parte di un progetto più complessivo, costruito d’intesa con l’amministrazione comunale, volto ad offrire all’Università una serie di materiali utili a valorizzare la frazione scelta, insieme ad altre 19 del Piemonte, per le sue peculiarità storico culturali.

Particolarmente soddisfatto Piero Del Vecchio, neo presidente Unitre: “A soli sei medi di distanza dalla presentazione del libro sui toponimi di Vaie e dell’annuncio della scelta del Folatone come frazione alpina da valorizzare nell’ambito del progetto MAPforUS, abbiamo messo in campo un documentario ad alta definizione, una discreta raccolta fotografica e una ricca rassegna di dialoghi in francoprovenzale sia sui toponimi sia sulla vita quotidiana al Folatone. Davvero molto per un’associazione. Un grazie doveroso a Luigi Cantore, Margherita Petrillo di Teatroinsieme, alle professoresse Federica Cusan e Federica Cugno dell’Università di Torino e al Direttivo Unitre”. Alla serata, dopo la proiezione, interverranno le professoresse Federica Cusan e Federica Cugno“.