Crea sito

I don Chiscotte della Val Susa e Chisone alla giornata di studi sui mulini Una giornata di studi organizzata dall'Istituto Ricerche Socio Territoriali

Giornata di studio sui mulini

GIAVENO – Qualificata partecipazioni  dalla Val Sangone e dalla Valle di Susa alla giornata di studi organizzata dall’Istituto Ricerche Socio Territoriali sul tema dei mulini svoltasi sabato scorso a Bobbio Pellice.  L’iniziativa promossa  dai gestori del mulino del piccolo centro della Val Pellice  dal titolo “Tempo di Mulini” è  stata  dedicata ai mulini ad acqua, alla loro storia, al passato di  chi vi ha lavorato  e  a chi oggi  persegue progetti per  recuperarli e  valorizzarli fra  gestione  attuale e  possibilità di  sviluppo  futuro.

Nel corso dell’incontro si  sono susseguiti  interventi di storici, ricercatori, architetti, proprietari ed appassionati che si sono dedicati o si stanno dedicando a vario titolo ai mulini ad acqua del territorio  delle  vallate  del torinese e del cuneese.  Per  la Val Sangone  da Giaveno  hanno portato il loro contributo  Giuseppe  Colombatti, Carla  GianottiClaudio Ostorero del Mulino Du Detu che hanno portato l’esperienza  de “Il Mulino, l’uomo e il sogno dei grani antichi” e Alessandra Maritano, Presidente del Museo Civico Etnografico del Pinerolese e  propagatrice culturale  che  ha trattato di “Mulini, gente e  lavoro fra storia e attualità, l’impegno per valorizzarli”.

Punti di vista e  approfondimenti differenti  per un impegnp comune nella direzione  di definire e realizzare una filiera di prodotto, di cultura e paesaggio che dal grano arriva ai dolci passando  per le terre della  Sacra di San Michele, gli  agricoltori e i mulini, la panificazione, la didattica e i turisti. Dalla  Valle di Susa  sono intervenuti  Pierangelo Chiolero con “Il molino Chiolero di Mompantero. Storia di una discendenza di mugnai”, i giovani Simone Spaccasassi e Alessandro Strano  che hanno illustrato  “I Mulini Sibille delle Ramats in val Clarea ed ancora lo storico Sergio Sacco e Dino Varesio  che hanno parlato  de “Il Mulino Varesio di Bussoleno: uno straordinario esempio di archeologia industriale della prima metà del Novecento”.