Crea sito

Giaveno: Stefano Tizzani fa il punto sulla sicurezza in città "La questione sicurezza impone oggi agli amministratori locali scelte sempre più mirate ed efficaci”

Giaveno, piazza San Lorenzo

GIAVENO – “Le recenti ondate di furti avvenuti nelle abitazioni di Giaveno e borgate sono sintomo di un problema che ancora non ha trovato adeguata soluzione, nonostante l’impegno delle forze dell’ordine. La questione sicurezza impone oggi agli amministratori locali scelte sempre più mirate ed efficaci”. Lo sostengono Stefano Tizzani e Daniela Ruffino, che domani, con gli attivisti del Gruppo Consiliare Per Giaveno, saranno presenti con un gazebo in piazza San Lorenzo, sotto il campanile per incontrare la cittadinanza.

L’Amministrazione aveva creato un tavolo per la sicurezza

Nell’occasione verranno distribuiti dei questionari sulla sicurezza. “L’adozione delle nuove tecnologie di controllo elettronico dei veicoli è uno strumento utile ma – osservano gli esponenti di Per Giavenoper sventare i furti il miglior metodo è sempre quello di un effettivo presidio territoriale da parte della forza pubblica. Riteniamo possa rivelarsi molto utile, ad esempio, una pattuglia notturna della polizia municipale con il compito di controllare capillarmente il territorio in modo da dissuadere i malviventi, il tutto coordinato con l’Arma dei Carabinieri e con la ditta di Vigilanza Privata che da anni opera in Giaveno, in modo da gestire al meglio le risorse. Altre iniziative utili possono essere il controllo di vicinato/borgata con i gruppi di segnalazione wup e riunioni per sensibilizzare i cittadini sui comportamenti da tenere. L’Amministrazione aveva creato un tavolo per la sicurezza, ma se non lo si convoca mai diventa difficile che possa dare spunti utili”.

Il gazebo di domani sarà per noi – concludono i consiglieri di Per Giaveno – una ulteriore occasione di incontro e confronto con i cittadini di Giaveno, perché è da loro che possono giungere suggerimenti utili per dare risposte valide ad un problema sempre più diffuso e insidioso”.