Crea sito

(FOTO) Susa, i Parà della Folgore ricordano l’eroica battaglia di El Alamein Autorità e associazioni d'arma tra ricordo e storia patria

Susa, i Para'

SUSA- Dal cielo solo tuoni e nessuna pioggia, cosi’ per ricordare l’eroica battaglia africana di El Alamein anche il meteo e’ stato clemente ed ha aiutato i parà del Nucleo Valsusa. Una mattinata voluta fortemente per ricordare i caduti durante la guerra in Africa quando gli inglesi, con maggiori mezzi, ebbero la meglio sui nostri ragazzi. Presenti all’incontro numerosissime associazioni d’arma: gli Alpini, i Carabinieri, i Marinai, i Granatieri di Sardegna, i Finanzieri e i Bersaglieri. Tra le autorità il sindaco di Susa Sandro Plano, quello di Cesana Lorenzo Colomb e l’onorevole Daniela Ruffino.

Dopo la Santa Messa la corona al Monumento

Alle Santa Messa in Sant’Evasio, celebrata da don Luigi Crepaldi, sono stati ricordati i caduti di tutte le guerre e in particolare quelli della battaglia africana. Don Crepaldi nell’omelia ha richiamato ai valori di lealtà, sacrificio, abnegazione e valore patrio. Davanti al Monumento della Folgore le autorità hanno ricordato l’impegno dei giovani militari in armi. Il sindaco Plano si è detto vicino a questo momento avendo fatto lui la naja nella Divisione Ariete, protagonista in quelle giornate d’Africa: Lorenzo Colomb ha portato il saluto dell’alta Valle in una sorta di gemellaggio con gli avvenimenti dello Chaberton. Daniela Ruffino ha ricordato i valori dei giovani in armi durante le guerre ed ha espresso la speranza che quanto accaduto sia d’esempio per le nuove genrazioni. La madrina del Nucleo Gemma Amprino, nel suo intervento, ha ringraziato i parà per il momento d’inconetro e ad ricordato quanti caduti con onore per l’Italia.