Crea sito

Condove: una serata in ricordo di Ugo Berga per il Valsusa FuoriFestival Giovedì 6 dicembre alle ore 21 al cinema comunale in piazza Martiri della Libertà

Condove, il Cinema SR

CONDOVE – Giovedì 6 dicembre alle ore 21 al cinema comunale in piazza Martiri della Libertà l’associazione Valsusa Filmfest in collaborazione con il Comune di Condove, l’A.N.P.I Valle di Susa, l’Unione Montana Valle Susa e il Comitato Resistenza e Costituzione del Consiglio Regionale del Piemonte organizzano un nuovo appuntamento di “Valsusa FuoriFestival” con una serata dedicata a Ugo Berga, presidente onorario dell’associazione Valsusa Filmfest recentemente scomparso, per ribadire che il suo ricordo ed i suoi insegnamenti.

L’’ingresso è gratuito e parteciperanno all’evento il presidente dell’Unione Montana Valle Susa Sandro Plano, la giornalista Paola Meinardi e Mario Solara per la sezione A.N.P.I. di Bussoleno-Foresto-Chianocco, Daniele Croce, pronipote di Ugo Berga che presenterà “Racconti di una vita”, intervista in video molto intima realizzata il 1° settembre 2016 in cui Ugo racconta tutta la sua vita in un’ora e mezza: dall’infanzia, passando per la lotta partigiana in Valle di Susa, fino ad arrivare ai suoi ultimi anni di vita e alla lotta No Tav.

Ugo Berga

Nato a Casale il 24 gennaio 1922, è stato Partigiano Combattente e Commissario Politico della 106^ Brigata Garibaldi “Giordano Velino”, Presidente Onorario del Valsusa Filmfest e fine intellettuale.

Una lunga vita attraversata con coraggio senza compromessi. Un percorso lungo quanto costante per la continuità dell’impegno politico, la fiera indipendenza di giudizio su tutto quanto valeva una presa di posizione, e soprattutto autenticamente laico.

Ugo viene descritto da Ada Marchesini Gobetti nel “Diario Partigiano” come il ragazzo dai capelli rossi, il commissario politico che agiva sulle montagne della valle di Susa. Ugo è cresciuto con la nonna Consolina e le sorelle della madre, lagrande famiglia Montagnana. La zia Rita Montagnana è stata moglie di Palmiro Togliatti deputata e senatrice del Pci, dirigente di rilievo dell’Unione Donne Italiane. Ebrei e quasi tutti comunisti. Sorelle e fratelli, in tutto otto, figli di Consolina Segre e Mario, redattore dell’Ordine Nuovo, eletto alla Costituente, anch’egli più volte deputato. Elena, compagna di quel Paolo Robotti che, pur avendo patito il carcere staliniano, rimase fedele al partito e all’Unione Sovietica. E Clelia che trasmise a Ugo il senso dell’ironia.

Una famiglia quella di Ugo che viveva a Torino, in Borgo San Paolo, e che ha attraversato tutti gli eventi più importanti del secolo scorso, dalla fondazione del Partito Comunista all’esilio in Francia in Unione Sovietica, in Messico, in America Latina.