Crea sito

Claviere, torna il presidio della Polizia alla frontiera per fermare l’arrivo dei profughi Ruffino: "Bisogna pretendere dalla Francia il rispetto delle regole"

Claviere, la Polizia alla frontiera

CLAVIERE – Il Ministero dell’Interno ha inviato pattuglie della Polizia a Claviere, per intensificare i controlli dopo l’ennesimo sconfinamento di agenti francesi per riportare migranti in territorio italiano. Sabato è stata un’altra giornata di alta tensione tra Italia e Francia e da Parigi arriva la proposta di un vertice bilaterale tra prefetti e polizia di frontiera dei due Paesi per giungere a un accordo.

“Quello che e’ accaduto al confine di Claviere e’ lo specchio di un’Europa che sta tradendo i propri valori fondanti di solidarieta’, non rispettando le norme nazionali ed europee. Come puo’ Macron dichiararsi europeista se la Francia “scarica” migranti come se fossero oggetti. – lo afferma la deputata di Forza Italia Daniela RuffinoE’ palese la malafede della Francia. Perche’ abbandonare di nascosto i migranti alla frontiera e non accompagnarli ad una stazione di polizia italiana? Non siamo dinnanzi ad un episodio isolato ma ad un modus operandi che si sta vergognosamente consolidando negli ultimi anni. L’Italia deve pretendere dalla Francia il rispetto delle normative europee per far cessare, una volta per tutte, questi sconfinamenti illegali che violano i diritti umani, ledono l’onore del nostro Paese e incoraggiano, ogni giorno di piu’, uno spirito antieuropeista“.