Crea sito

Chiomonte: un’altra notte di scontri al cantiere I controlli eseguiti dalla Digos hanno condotto all’individuazione di decine di persone, in prevalenza appartenenti all’area del centro sociale Askatasuna

NoTav

CHIOMONTE -Tornano le proteste in Valsusa e gli attacchi al cantiere dell’alta velocità di Chiomonte.  Venerdì sera, intorno alle 22, alcuni manifestanti no tav e rappresentanti dei centri sociali si sono avvicinati al cantiere lanciando petardi, fuochi d’artificio, oggetti contundenti e bombe carta contro le forze dell’ordine.

La polizia ha risposto con l’uso degli idranti per respingere i manifestanti.

I controlli della Digos

I controlli eseguiti dalla Digos hanno condotto all’individuazione di decine di persone, in prevalenza appartenenti all’area del centro sociale Askatasuna e molte provenienti da fuori provincia.

Per queste persone sono scattati gli accertamenti volti alla verifica di eventuali responsabilità penali, con successivo deferimento all’Autorità Giudiziaria.

Il campeggio dei No tav a Venaus

A Venaus in questi giorni si sta svolgendo il campeggio dei giovani del movimento No Tav, che da programma prevede “l’invito a tutti i giovani del paese a raggiungere i campeggiatori per discutere, informarsi e..divertirsi!.”