Crea sito

Buttigliera alta: una serata di riflessione sul bullismo e cyberbullismo Lunedì 29 ottobre alle 20,30 presso la sala consiliare "Dalla Chiesa", in via Reano 3

Buttigliera Alta, il Municipio

BUTTIGLIERA ALTA – Lunedì 29 ottobre alle 20,30 presso la sala consiliare “Dalla Chiesa”, in via Reano 3, il comune organizza una serata di presentazione del progetto e di riflessione sulla delicata tematica, per cercare insieme “Una via diversa per affrontare il bullismo e il cyberbullismo”.

Sarà proiettato il cortometraggio “Urla silenziose”, che ricostruisce gli ultimi giorni di Michele e ci saranno gli interventi degli esperti Elisabetta Aiello, del Centro Psicoterapico TeCO,  Alessandro Bruyere dell’Accademia Judo Torino, di Francesca Specchio e Alessandro Audisio dell’associazione “Hsl”.

L’associazione Micky boys

Il progetto nasce dall’associazione rivolese “Miky boys”, nata in ricordo del giovanissimo che lo scorso febbraio si è tolto la vita ad Alpignano, vittima di bullismo. Michele è stato schiacciato dalla violenza dei suoi carnefici, contro la quale si è alzato un coro di indignazione, partito non solo dalla famiglia, ma dai molti che l’hanno conosciuto e dalla società civile in generale. “Dal sacrificio di Michele è nata la nostra associazione, che propone progetti contro il bullismo e, nello specifico, mette a disposizione, attraverso l’attività di psicologi e psicoterapeuti, una consulenza per le scuole“, spiega il presidente di “Miky boys”, Valerio.

“Abbiamo sposato con convinzione questo progetto per il suo importante valore educativo per le nostre scuole – spiega l’Assessore all’Istruzione Laura Saccenti – Da sempre, la nostra amministrazione intreccia un’intensa collaborazione con la Direzione e gli Insegnanti dell’Istituto Comprensivo nella lotta al bullismo e alle discriminazioni, sotto qualsiasi forma». Lo scorso anno, l’Amministrazione ha offerto alle scuole un progetto contro il cyberbullismo, con “L’educatorio della Provvidenza”, mentre, quest’anno sposa il progetto didattico di “Miky boys”.