Crea sito

Bardonecchia, concluso il corso per gli eroi a quattro zampe del Soccorso Alpino State brevettate 12 nuove Unità Cinofile da Ricerca in Superficie

Soccorso Alpino

BARDONECCHIA – Sì è concluso questa mattina il 30° Corso Nazionale Unità Cinofile da Ricerca in Superficie organizzato a Bardonecchia dalla Scuola Nazionale Cinofili del Corpo Nazionale Soccorso Alpino e Speleologico e dal Soccorso Alpino e Speleologico Piemontese Piemonte. Dopo un’intera settimana di esercitazioni, addestramenti e simulati, sono state brevettate 12 nuove Unità Cinofile da Ricerca in Superficie provenienti da Alto Adige, Basilicata, Lombardia, Piemonte, Sardegna, Valle d’Aosta e Veneto.

Complessivamente sono state 33 le Unità Cinofile presenti, provenienti da 14 Regioni italiane. I primi giorni sono stati dedicati ai cuccioli fino all’anno di età e ai cani in formazione, mentre da giovedì scorso sono entrati in azione quelli sottoposti a verifica per il conseguimento dell’operatività. Durante le giornate di lavoro i cani e i loro conduttori sono stati sottoposti a una serie di prove che riguardavano la movimentazione su terreno tecnico tra cui esercitazioni di calata in corda doppia su parete verticale.

Ampio spazio è stato dato alla simulazione delle operazioni di ricerca in cui le Unità Cinofile devono sviluppare una strategia comune in operatività: il conduttore utilizza le proprie conoscenze insieme alla tecnologia GPS per individuare uno scenario di intervento, il cane segue esclusivamente il proprio fiuto. Si parla per l’appunto di unità cinofila perché soltanto una perfetta sintonia tra cane e conduttore può rendere un’operazione di ricerca efficace ed efficiente, consentendo di salvare una vita.