Crea sito

Avigliana, polemiche sulle manifestazioni estive e la loro funzione nell’attrarre turisti Archinà: "C'è un solo evento in Italia che provoca delle ricadute importanti sul territorio: la Notte della Taranta in Puglia"

Toni Spanò e Simona Falchero

AVIGLIANA – Toni accesi durante il Consiglio Comunale di lunedì 15 ottobre tra il gruppo d’opposizione Adesso Avigliana e l’amministrazione messa alle strette sulla gestione della macchina organizzativa del calendario delle manifestazioni estive.  “La città di Avigliana ha una vocazione turistica, o meglio dovrebbe avere,  mai autenticamente concretizzata con politiche all’altezza – ha detto Simona Falcherone è prova la non partecipazione di alcun soggetto al bando per la Casa per Ferie. E’ compito di ogni amministrazione comunale costruire le condizioni per un’adeguata programmazione delle varie manifestazioni, vincolando il finanziamento e il sostegno a queste a criteri oggettivi ma ciò non avviene“. In una mozione Toni Spano e Simona Falchero hanno domandato al sindaco “quali sono i criteri che conducono alle scelta di finanziamento o supporto alle varie manifestazioni e quale modello di valutazione oggettiva delle ricadute di ogni singolo evento e della programmazione nel suo complesso sia stata elaborata. In riferimento alle manifestazioni della stagione estiva, siamo a chiedere quali finanziamenti e supporti siano stati riconosciuti e i numeri di partecipazioni agli eventi che hanno ricevuto sostegno“.

La risposta dell’amministrazione

Il sindaco Andrea Archinà ha contestato l’accusa e ha ricordato due riviste che hanno indicato Avigliana quale luogo di arte e turismo. “Avigliana è turisticamente rilevante e apprezzato come luogo di turismo. Bisogna scindere quanto Avigliana sia considerata da fuori e quanto invece lo sia dalle attività economiche locali che sono state sensibilizzate in questi anni  ad un attenta apertura rispetto ai flussi turistici”. Il sindaco ha concluso dicendo che: “La scienza del turismo dice che  un conto sono gli eventi, un altro le politiche e i flussi turistici; non sempre gli eventi sono sinonimo di promozione turistica. C’è un solo evento in Italia che provoca delle ricadute importanti sul territorio: la rassegna della Notte della Taranta in Puglia”.

L’assessore Paola Babbini: “L’elenco delle principali manifestazioni sono il Palio Storico andrà rivisto per attirare un maggior numero di turisti, il Festival Jazz ha visto in calendario quattro serate molto seguite. E’ difficile dare il numero di partecipanti ad ogni singolo vento, e non è così importante, l’importante è che la nostra città sia percepita come viva da un punto di vista culturale e attraente turisticamente. E’ stato fatto un lavoro anche di informazione anche grazie al giornale online del comune”. L’assessore ha poi elencato una serie di iniziative e manifestazioni.

Simona Falchero ha chiuso gli interventi dicendo che l’amministrazione dovrebbe concentrarsi su poche manifestazioni e farle crescere non finanziare troppe senza una regia così da portare la città a livello più alto.  L’esempio di quanto non funzioni il sistema Avigliana è, ha ricordato la consigliera: “l’area camper che ancora una volta è liberato dagli zingari e non utilizzato dai turisti“. Alla consigliera ha risposto nuovamente l’assessore elogiando le associazioni cittadine per quanto fanno in città.