Crea sito

A Claviere in Valsusa un segno di legalità, il parroco denuncia per occupazione i clandestini Attivisti dei Centri Sociali, associazioni e clandestini hanno occupato i locali della Diocesi

Claviere, i Centro Sociali

CLAVIERE – Il parroco della chiesetta del paese di confine ha denunciato gli antagonisti italiani e francesi e i clandestini che da mesi hanno occupato i locali della parrocchia e del cortile. Una situazione illegale che ha generato nelle settimane vivaci proteste da parte dei residenti e dei villeggianti che si sono visti crescere una sorta di “zona autonoma” nel centro del paese tra tende, bandiere e anche il deturpamento dell’edificio religioso con murales.

I Centri Sociali a Claviere

La denuncia è arrivata alla Procura torinese per invasione di edificio altrui e danneggiamento come ipotesi di reato che il Sostituto Procuratore, a cui verrà affidata l’indagine, dovrebbe configurare. Se dopo la denuncia si arrivi alla sgombero è quando si auspica la senatrice Marzia Casolati (Lega) che in questi mesi ha condotto un’azione perchè il paese della Valsusa potesse tornare alla legalità. Intanto i Centro Sociali hanno annunciato “cinque giornate di lotta” per quello che hanno definito il “Campeggio itinerante passamontagna” che si svolgerà dal 19 al 23 settembre con l’arrivo di attivisti dei Centri Sociali.